Coesione, il Ministro a Bruxelles

15 novembre 2017

"Riunione molto proficua". Così il Ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno Claudio De Vincenti, oggi a Bruxelles per il Consiglio europeo dedicato alle politiche di coesione.

 

Il giudizio positivo - spiega al termine dell'incontro - scaturisce dalla convergenza che si è registrata con diversi Paesi, a cominciare da Germania e Francia, su una linea complessiva articolata in tre punti, che muove da una premessa: le politiche di coesione come segno tangibile di una comune cittadinanza europea.

Punto primo: queste politiche devono avere il sostegno di risorse adeguate in un bilancio europeo volto a investimenti e crescita. Punto secondo: comune cittadinanza europea significa che chi usa risorse europee deve rispettare i principi dello Stato di Diritto e mostrare concretamente la solidarietà intereuropea davanti a problemi come quello dei migranti. Punto terzo: collegamento tra politiche di coesione e riforme strutturali.

"Che su questo 'pacchetto' si sia registrata piena sintonia con Francia e Germania - conclude De Vincenti - è un'ottima notizia che lascia ben sperare, nonostante la Brexit, per la prossima programmazione".

Bruxelles , Coesione , De Vincenti
Torna all'inizio del contenuto