Fondi Ue: Lezzi, no condizionalità macroeconomica, penalizza ultimi

30 novembre 2018

"Come Italia esprimo netta contrarietà rispetto al mantenimento della condizionalità macroeconomica: un meccanismo penalizzante per i territori con maggiori difficoltà strutturali, che va nella direzione opposta rispetto allo spirito dell`articolo 175 del Trattato sul funzionamento dell`Unione europea e che metterebbe a rischio gli investimenti proprio nei Paesi e nelle regioni in maggiore difficolta`". Lo ha detto il ministro per il Sud, Barbara Lezzi, che oggi a Bruxelles durante il Consigli Affari generali Coesione ha espresso la posizione dell`Italia rispetto alla proposta della Commissione sulla programmazione 2021-2027 sui fondi Ue.

Rispetto alla mid-term review sull`allocazione delle risorse della programmazione 2021-2027, Lezzi ha affermato che "l`Italia esprime parere sfavorevole rispetto alla proposta di revisione di medio termine basata prioritariamente sulle raccomandazioni specifiche rilevanti del 2024" mentre sostiene "la proposta della Presidenza austriaca di prevedere, sin dall`inizio, l`applicazione delle risorse per l`intera durata del ciclo settennale".

Sulla parte di negoziato inerente al regolamento FESR, il ministro per il Sud ha detto di ritenere "indispensabile riaffermare la necessità dell`attuale metodo, basato sulle categorie di regioni, e non su quello nazionale. Auspico poi che si possa migliorare la proposta della Commissione in tema di spese ammissibili, con particolare riferimento alle possibili esclusioni dal FESR degli investimenti sulle infrastrutture aeroportuali e sul materiale rotabile per il trasporto ferroviario".

Infine, relativamente all`Accordo di partenariato, il ministro Lezzi ha dichiarato che l`Italia "sostiene la posizione della Commissione e riteniamo indispensabile che tale Accordo sia presentato prima dei programmi, dal momento che si tratta di uno strumento di orientamento strategico".

Fondi europei , Ministro per il Sud , Ministro Barbara Lezzi
Torna all'inizio del contenuto