Mafia, De Vincenti: L'Italia perbene è tutta schierata con Don Ciotti

21 marzo 2017

"Oggi, Giornata nazionale della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie, manifestare e far sentire alta la voce di un Paese che respinge con forza la  cultura della  violenza della criminalità organizzata, assume un significato speciale. Infatti, lo sfregio delle scritte apparse sui muri di Locri e gli insulti a Don Ciotti ci dicono che non bisogna mai abbassare la guardia e che solo coltivando la memoria si possono attivare nelle giovani generazioni gli anticorpi necessari a respingere l'infezione di un male sempre in agguato. Da tutte le parti d'Italia dove si celebra questo 21 marzo e' forte  la testimonianza di affetto e apprezzamento che le persone perbene - maggioranza del Paese- esprimono nei confronti del lavoro che Don Ciotti e Libera svolgono". Lo dice il Ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno Claudio De Vincenti.

Torna all'inizio del contenuto